Una “pump track” a Trieste?

Cosa fosse una “pump track” non lo sapevo fino a quando un collega non me ne ha parlato.

Una  “pump track” è un circuito fatto da dossi e curve inclinate progettate per essere percorse da biciclette o altri mezzi a ruote mossi non dai pedali, ma da “pompaggi” sul manubrio e sui pedali. Per muoversi occorre spingere su questi assecondando le caratteristiche della pista. I circuiti sono relativamente semplici da usare, poco costosi da costruire e adatti a un’ampia gamma di livelli di abilità.

Chi me ne ha parlato è un appassionato ed ha le idee ben chiare in merito. Pratica già questa attività, ma è costretto a recarsi nella vicina Slovenia per farlo. Non solo mi ha chiesto di interessarmene per proporre alla Giunta comunale la realizzazione di questa struttura, che lui immagina completamente aperta al pubblico, ma mi ha anche suggerito un sito idoneo alla realizzazione della stessa: un prato adiacente al parcheggio “Ferdinandeo” in via de Marchesetti (a fondo pagina alcune immagini), vicino alla “gloriette del Cacciatore”.

La realizzazione “chiavi in mano” di questa struttura permanente e che richiede una limitatissima manutenzione, dovrebbe avere il costo di qualche decina di migliaia di euro. L’area suggerita, presente nella zona del Boschetto, ha già una chiara “vocazione sportiva” per i numerosi attrezzi che sono distribuiti nel vicino parco che vengono molto spesso utilizzati da gruppi di ragazzi, giovani e meno giovani. Inoltre, il vicino parcheggio offrirebbe anche la possibilità di scaricare le bici da utilizzare poi su questa pista.

Ne ho parlato con alcuni Assessori che, a parole, si sono detti interessati. L’unica problematica emersa, parlandone con alcuni consiglieri, è che una settimana all’anno il luogo viene utilizzato per “Triskell Celtic Festival”, ma questo non credo sia un grosso problema.

Non è attualmente mia intenzione proporre mozioni od altro, ritengo sia sufficiente il suggerimento di un Consigliere comunale agli assessori competenti… Vi terrò aggiornati.

Alcuni video: pump track in terra, pump track in asfalto.

 

P.S.: analoga proposta è stata presentata anche alla Giunta comunale precedente: vediamo se la “Giunta Dipiazza” saprà fare qualcosa di meglio…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Dimostra di essere un umano e non un robot, completa questa operazione: *